Una ballata gentilmente lacerante, come non se ne sentono pi ma non un episodio isolato. When We Were Young sviscera l pi intima e notturna del quintetto di Brooklyn con arrangiamenti puliti, eleganti, l contrappunto del pianoforte e ricami fascinosi di slide e Cry Baby. Dear insiste in questa direzione accentuando il taglio romantico ma mantenendo un pregevole senso della misura, senza dilungarsi eccessivamente e senza cedere terreno alle tentazioni piacione e alla melassa.

Times, Sunday Times (2012)The most pressing issue now is to secure new sources of crude. Times, Sunday Times (2012)The loss of a treasured chunk of sovereign territory is not its most pressing concern. Times, Sunday Times (2014)The more pressing question for both teams is how to find a cure.

Nella nuova scarpiera non possono certo mancare un paio di New Balance. Magari le nuove 247 con un design rivisitato e la tomaia in pelle full grain con dettagli perforati asimmetrici, che si combinano con costruzione a calzino in tessuto tecnico. Ipiriazioni d’archivio anche qui.

Non conoscevo Jonathan Lethem. Questo libro l’ho pescato a caso, convinto dalla copertina e dalla fretta inclemente che sempre mi bracca tra gli scaffali delle biblioteche. E’ rimasto a vegetare paziente, nell’attesa che metabolizzassi prima il tomazzo della Oates e poi quello di Asimov, gli ultimi di cui ho scritto qui.

Dal punto di vista di come impostare nel tennis il lavoro di un mental training molto interessante è l a Federico Di Carlo in ubitennis del 06/08/2015. Di Carlo ha un approccio non teorico al problema, secondo lui ( a mio parere giustamente ), bisogna rendere automatici in campo alcuni comportamenti mentali atti a rimanere concentrati sul momento presente, sul singolo punto. Un tema questo affrontato magistralmente da Claudio Giuliani in ubitennis del 23/09/2014 in un suo pezzo dall titolo Il tennis moderno e l dell in cui si dice che un pò di psicologia spicciola per capire che questo ricorrere ossessivamente all dell sia più una necessità mentale che fisica E si cita Federer che afferma che l è come la coperta di Linus: dà sicurezza e tranquillità.

Tratto dal romanzo di David Mitchell, sceneggiato e diretto dai registi di Matrix (Larry ha cambiato sesso e nome in Lana) insieme al regista di Lola corre e Profumo, questo kolossal ha lasciato perplesse molte persone e soprattutto molti critici che, specialmente in Italia, l stroncato e definito come trionfo del make up Questa definizione a mio parere, un po troppo affrettata ed ingiusta. Infatti il film interessante e persino ammirabile per il coraggio delle idee, originali e non scontate, messe in campo dai registi sceneggiatori. L della reincarnazione nei secoli non era mai stata trattata in modo cos radicale e complesso.