Sono andato a trovare mio padre in ospedale (cardiologia), gli ho portato Repubblica e i saluti dei bloggers. E’ confermato che martedì gli mettono in by pass, era allegro, scherzava con le infermiere, non aveva atanta fame ma l’ho convinto a mangiare il semolino in brodo e il purè di patate (che gli è piaciuto). Abbiamo parlato di tante cose ed è buffo e un pò triste che anche tra due adulti che si conoscono e si vogliono bene da mezzo secolo (un papà di 79 anni e un figlio di 52) il momento della malattia, dell’ intimità dovuta alla degenza ospedaliera, faccia scattare una ancora maggiore complicità affettuosa.

Ambientato in Georgia nella metà degli anni Trenta, il film racconta la storia di una giovane ragazza, assunta come domestica in una famiglia tradizionale, che a causa della sua esuberante sensualità sconvolge molti degli equilibri della comunità maschile che la circonda. La Dern è straordinaria e la sua interpretazione riceve una nomination agli Oscar come migliore attrice protagonista. La cosa incredibile è che anche sua madre venne candidata all’Oscar (come attrice non protagonista): non era mai accaduto nella storia Hollywood che madre e figlia ricevessero due nomination per gli Oscar.

Assieme a Sean Anders ha prodotto Never Been Thawed, di cui hanno anche scritto assieme la sceneggiatura. E’ stata proprio questa pellicola indipendente a servirgli come biglietto da visita per Hollywood. Il film, infatti, è stato ricevuto positivamente dalla critica in occasione del Silver Lake Film Festival di Los Angeles dove è stato presentato; in seguito, su internet, attorno al film, si è sviluppato un vero e proprio culto.

Hansson, T. Wolfgang, A. Vener. 8MbAbstractIn questo lavoro viene inizialmente presentato il fenomeno dei Gamma Ray Burst e la suddivisione in due popolazioni distinte: i long GRB e gli short GRB. Sono poi prese in considerazione le osservazioni tramite le quali si possono trovare i possibili progenitori delle due popolazioni ed i modelli di engine alla base di questi eventi. Infine viene analizzato l’evento del 17 agosto 2017 in quanto prima prova diretta dell’origine di, almeno, una parte degli SGRB.

Il salto con la corda, però, non un adatta a tutti ed è sconsigliata a chi soffre di malattie cardiovascolari, proprio per il notevole sforzo nel praticarla. L poi, deve essere eseguito in modo corretto. Saltare sui talloni, per esempio, potrebbe causare microcompressioni alla parte più bassa della schiena (il rachide lombare), determinando fastidiosi dolori e infiammazioni..