Grand opening per Lotto, che haaperto nel cuore di Treviso, il suo nuovo store. Adue passi dal salotto di Piazza dei Signori, nel centralissimoVicolo Barberi 19, il nuovo store statoaperto in unedificio storico su quattro piani in cui sono conservati affreschi e intonaci originali del 1300. Un mix tra storia e innovazione: l antica della struttura si sposer con la ricerca e la tecnologia intrisa nellecollezionidisegnate e prodotteda Lotto Italia..

Yeats poem Song of the Wandering Angus It is not a folk song, it tends to be an art song. It has a traditional feeling about it; the repetitiveness gives you the impression of an incantation, which the poem does too. Of her learning it I had heard the song almost two years ago.

Per registrare fedelmente il senso di vuoto e di sconforto era servito lo splendido “Sometimes I Wish We Were An Eagle”, quasi una testimonianza a caldo della propria sconfitta e insieme un gioiello di dissimulazione. “Apocalypse” si offrì a breve distanza come breviario folk disadorno, perfetto per l’ora dell’appianamento, mentre “Dream River” si presenta adesso e ha il sapore netto della rimozione. Non quella coatta e intransigente, quella che fa a cazzotti con il passato e strappa tutte le pagine andate del calendario, come fossero batteri da estirpare a forza.

But he stopped a billionaire hotel developer, Earl Holding, from raking in public redevelopment money. He did so by everyday acts of citizenship, performed fiercely. After the fight was over, he told me: “The issue is not Earl Holding. Times, Sunday Times (2011)This means that less gas and electricity are used to heat the buildings and less carbon is emitted. Times, Sunday Times (2010)Some models of the cooker have a design fault that means they emit carbon monoxide when incorrectly used with the grill door shut. Times, Sunday Times (2015)Half the carbon we emit isn’t staying in the atmosphere.

In seguito inizia la scuola dell’obbligo rinverdendo i fasti della scuola materna, periodo della sua vita in cui seppe esprimersi con la massima autorevolezza. Amatissimo dai suoi nuovi compagni, Stefano viene identificato come la vera autorità del gioioso clan, specie di guru delle tendenze infantili, leader informale, trainer spirituale. La quarta elementare segna il nostro irrimediabilmente, rivoltando la sua tavolozza caratteriale come un calzino, da positivo a negativo.

Il progetto fotografico che Federica Di Giovanni e Crowdbook Publishing stanno cercando di far diventare un libro (ancora pochi giorni alla fine della campagna di sostegno), sembra volere e forse poter rispondere alla celebre questione filosofica sul rumore dell’albero che cade in una foresta dove non c’è nessuno ad ascoltare. Cosa ne è delle isole italiane durante la stagione invernale, quando i turisti sono lontani nel tempo e nello spazio? Il turista non lo sa, ma Di Giovanni, isolana di Ponza, conosce la risposta fin da bambina, il punto di vista di chi resta essendo il suo luogo di osservazione fisico e concettuale obbligato, e quindi naturale. Per un fotografo la curiosità verificatrice (leggi ossessione completista) è però una malattia peggiore della nostalgia, e quello che poteva restare il racconto per immagini della propria isola in inverno è diventato un atlante dei nostri mari, dove tutte le isole minori si incontrano in un viaggio che è sentimentale prima ancora che mentale.