Ed un attimo che torna la voglia di scendere in campo armati della miglior attrezzatura per la nuova stagione estiva. Come la maglia realizzata da Australian, in collaborazione con The Woolmark Company che indosser a Roma Paolo Lorenzi, uno dei top player di tennis in Italia. I due brand hanno sviluppato insieme l tessuto Wool Tek misto lana e poliestere tecnico, creando una maglia che assicura la massima performance ai pi alti livelli agonistici.

Da sempre scelta preferita da parte di atleti di fama internazionale, FILA unisce la qualità dei tessuti, studiati per garantire le migliori performance, all del design italiano. E questa peculiarità di stile è valsa al brand l nel mondo della moda, con la realizzazione di capsule collection in collaborazione con Jason Wu, Anna Sui, Gosha Rubchinskiy e Fendi. Attendiamo quindi con ansia la fashion week di settembre, per scoprire cosa ci riserverà FILA nella sua prima sfilata ufficiale..

A un passo dalla vetta e in quella decisione azzardata sta il senso del ‘film di montagna’ di Baltasar Kormkur, che recupera un genere cinematografico popolare negli anni Venti e Trenta in Germania e polemizza sulla globalizzazione del viaggio che snatura la natura e i popoli che incontra. Nelle cosmogonie la montagna è il luogo delle origini, l’asse verticale di congiunzione tra il mondo celeste delle potenze divine e il mondo terreno. Il percorso dal basso all’alto per ascenderla è un’iniziazione, un cambiamento di status per chi la sfida, trascendendo in qualche modo la condizione umana.

Sono un insieme di risposte neurali e chimiche, che si attivano in tutto l’organismo e hanno il compito di proteggerlo. Questo è il loro significato biologico: produrre una reazione specifica, di allontanamento o avvicinamento, verso uno stimolo che può essere interno o esterno (un pensiero, un evento, una persona.). Sappiamo che ormoni e neurotrasmettitori possono produrre sensazioni come tristezza, paura, gioia, amore, simpatia, e consapevolmente regolare l’ambiente interno in modo da preparare l’organismo ad un’azione specifica e cioè ad attivare una risposta di adattamento funzionale al contesto e ai bisogni della persona..

Una sola precisazione per Piero. Forse c stata un po di confusione. Io, salvo il caso di antologie che curo personalmente come il non ho voce in capitolo nelle scelte editoriali di Altieri che è un amico e un collega da molti anni ma che, come Dazieri e Orsi prima di lui, prende da solo le sue decisioni.