Ora resta da capire cosa far Yonghong Li. Da una parte potrebbe accettare l del fondo americano Elliott che si offerto di finanziare la Rossoneri Sport per altri 35 milioni di euro, che si andrebbero ad aggiungere ai 180 milioni gi prestati alla stessa holding lussemburghese e ai 123 milioni prestati al Milan. Ma in questo caso Mr Li dimostrerebbe la sua debolezza e darebbe di fatto il via al di Elliott sul club..

Le proposte per nuovi film aumentano vertiginosamente: Gianfranco Mingozzi lo affianca a Charlotte Rampling per Sequestro di persona (1967) e ha persino l’occasione di lavorare accanto all’iracondo Klaus Kinski ne L’uomo, l’orgoglio, la vendetta (1967).I premi, i colleghi internazionali, la tvNel 1968 arriva ad aggiudicarsi un David di Donatello per la sua interpretazione ne Il giorno della civetta e, l’anno successivo, divide con Yul Brynner e Orson Welles il set de La battaglia della Neretva (1969).Grazie alle fortunate produzioni internazionali europee riesce ad accaparrarsi il ruolo del pittore amante di Catherine Deneuve in Tristana (1970) di Luis Buuel, ma anche quello di Matteotti ne Il delitto Matteotti (1973) con Vittorio De Sica. Così facendo, arricchisce la sua carriera di titoli come: Mussolini ultimo atto (1974), con Rod Steiger e Henry Fonda; Gente di rispetto (1975), ancora con Gora e James Mason; 21 ore a Monaco (1976), con Wiliam Holden; Marcia trionfale (1976) di Marco Bellocchio; Profezia di un delitto (1976), con Stefania Sandrelli e, infine, Forza 10 da Navarone (1978) con Harrison Ford.Cominciano anche le incursioni nel piccolo schermo, centellinate e in prevalenza dirette verso film tv come: The Pirate (1978) con Christopher Lee che lo affiancherà anche ne La salamandra (1981) e The Girl (1986) o la miniserie Le rose di Danzica (1981). Dopo Stridulum (1978) con Glenn Ford, John Huston e Sam Peckinpah, stringe una cordiale amicizia con il regista Rainer Werner Fassbinder che lo vorrà accanto a Jeanne Moreau nella sua ultima pellicola Querelle De Brest (1982, nel ruolo del capitano innamorato del marinaio Querelle), anche se immediatamente dopo se lo ritroverà compagno di set, ma come attore, ne Kamikaze 1989 (1982).Mettendo un po’ da parte il cinema che sembra averlo leggermente dimenticato (almeno quello italiano, infatti si moltiplicano le apparizioni nel cinema tedesco), si presta per serie tv anche straniere come Wagner (1983) con Richard Burton e Laurence Olivier, The Last Days of Pompeii (1984) con Ernest Borgnine, Garibaldi il Generale (1987, nel ruolo dell’eroe dei due mondi) e I promessi sposi (1989) nella parte di Fra’ Cristoforo, accanto ad Alberto Sordi e Burt Lancaster.