Cerca un cinemaTony D’amato (Pacino) allenatore di football americano, viene ritenuto ormai al tramonto. La nuova “boss” della dirigenza (Diaz) vorrebbe mandarlo via, ma non è facile, perchè Toni è molto amato dalla squadra. Entriamo così in quel mondo: la violenza nel campo, le ambizioni e le crisi dei giocatori, gli intrighi di tutti.

A chi, giunto a questo punto, provasse spavento e incredulità difronte a un tale scenario, io posso solo rispondere quello che penso,cioè che la decrescita reale in atto, determinata dall’inceppamento edall’impazzimento dell’attuale sistema, fornirà un impulso possenteper questi mutamenti. Con una postilla: il fattore tempo. Si tratteràdi vedere se prendono il sopravvento i processi virtuosi o quelliviziosi.

Sono sempre stato sinceramente molto curioso di come funzionano le cose. Non ho mai pensato molto al perché non ho deciso di lavorare per altri brand all’inizio. Ricordo molto bene di quando facevo uno stage da Lanvin nel 2011, ero ancora a scuola e Alber Elbaz ha visto il mio portfolio e mi ha chiesto di lavorare su un progetto specifico ed è stato un grande onore per me, mi ha aiutato a credere di più nella mia vision..

Annoiata da una torma di grandi apparentemente monodimensionali, in primis la zia Marceline, tutta moine, convenevoli e dolcezza nell’eloquio, Zazie tiranneggia letteralmente nella prima metà del romanzo, dedicata alle sue scorribande in solitaria per le strade di Parigi (“la scuola del vizio”, come sostiene qualcuno ad un certo punto), e si imprime nella narrazione come un fulmine a ciel sereno o un peperino impertinente, personaggio modernissimo ed irrequieto dotato di un piglio e di un acume che la rendono proprio tutto fuorché una candida sprovveduta. Nelle mani del suo creatore diviene presto un paradossale strumento di indagine morale (ma non moralistica) poiché del tutto funzionale nello smascherare, attraverso il più dissacrante degli scherni, le mille ipocrisie del mondo degli adulti. Proprio a questo scopo è tratteggiata come un pupazzo feroce caricato a molla, una maschera deforme e grottesca, un mostro: è la cattiva caricatura di quel che dovrebbe essere una bimbetta, poiché proprio sbugiardare e mettere alla berlina i comuni mostri sembra essere la sua missione.

Times, Sunday Times (2010)The poor things have already spent most of their young lives trapped in a classroom. Times, Sunday Times (2012)He also spent a fair amount of time in deliverance ministry. Christianity Today (2000)We planned our calendars so that we could spend as much time together.